Ospitalità Slow Holiday / Scoprire la Valle D'Aosta

Maison d’Hotes Au Chateau Blanc: per gli amanti di cultura, natura e sapori

B&B Valle d'Aosta - Au Chateau Blanc Arvier

Au Chateau Blanc sorge nel cuore di Arvier, un paesino dell’Alta Valle d’Aosta alle porte del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Le sue sei stanze si diramano intorno ad un salotto che profuma di montagna, con un grande camino in pietra, moltissimi libri e poltrone che invitano al riposo e al racconto.
Lo spirito valdostano si respira nel design degli spazi e nei sapori della colazione: le marmellate fatte in casa e il pane scuro ricordano che qui il cibo è genuino e a filiera corta. Nella credenza tazzine colorate, tè, infusi e tisane. Nelle suite, una grande vetrata che lascia entrare la montagna in casa, per non smettere mai di sentirsi parte dei boschi circostanti.

Au Chateau Blanc B&B Valle d'Aosta
Ede Luboz, la proprietaria, è una ex insegnante di francese che si è sempre dedicata all’accoglienza, prima col campeggio di famiglia e ora con la Chambre D’Hotes Au Chateau Blanc: “Questa è un po’ come casa mia, e per questo mi piace che i miei ospiti arrivino soprattutto tramite passaparola. Normalmente sono persone che amano l’enograstronomia, la cultura e la natura. Devo dire che qui c’è un bellissimo target di turisti e per questo mi piace chiacchierare con loro quando preparo le colazioni. Avere solo sei camere mi permette di poter conoscere i miei ospiti e offrire il mio territorio nel migliore dei modi: in genere si tratta di viaggiatori curiosi di scoprire scorci lontani dal turismo di massa e vicini alla montagna vera.
La colazione è il momento in cui Ede sta con i suoi ospiti, li incontra e li conosce: “Intorno alle 10 del mattino poi però corro ad occuparmi della mia numerosissima famiglia e di tutte le attività che gestiamo, orto compreso. I miei ospiti si autogestiscono la casa quando io non ci sono. A loro disposizione c’è anche una piccola cucina nel caso volessero mettersi ai fornelli.”

Au Chateau Blanc B&B Valle d'Aosta
Uno dei quattro figli di Ede, Mathieu, gestisce il Rifugio Benevolo in Val di Rhêmes, un punto di approdo per camminatori ed escursionisti ma anche alla portata di famiglie e bambini per la discreta facilità del percorso: “La Val di Rhêmes, così come la Val Grisenche, non ha subito un’eccessiva antropizzazione e può quindi ancora beneficiare di paesaggi selvaggi e incontaminati. L’ideale per chi ama la montagna.
Il piccolo Comune di Arvier invece, oltre ad essere un interessante punto di partenza per l’alpinismo e il trekking, si trova al centro dell’area di produzione dell’Enfer (DOC dal 1972), il vino più alto d’Europa: “Qui intorno ci sono 15 piccoli produttori di questo vino ricercato e quotatissimo, anche in nome della quantità limitata in cui viene prodotto per rispettare il ritmo naturale delle vigne.
Uno dei pregi della Valle d’Aosta, e non solo per quanto riguarda l’enologia, è quello di avere spesso rispettato i ritmi della terra, prediligendo sempre la qualità rispetto alla quantità.
Per celebrare questa eccellenza, entrando in paese da Courmayeur si incontra una statua dedicata al dio Bacco, accanto a quella intitolata a Maurice Garin, primo vincitore del Tour de France, nato ad Arvier nel 1871.

Arvier Enfer Wine VAlle d'Aosta
Nelle vicinanze – prosegue Ede – ci sono i castelli di Introd, di Sarre e di Sarriod de Latour che sono aperti e visitabili tutto l’anno. Le terme di Pré-Saint-Didier sono un altro polo di attrazione costante: dal 1838, con le loro 40 pratiche termali e i vari percorsi benessere, attirano turisti da ogni parte del mondo da gennaio a dicembre.”
Le proprietà rilassanti delle acque di Pré-Saint-Didier erano note già ai tempi degli antichi romani, e le terme furono uno dei luoghi di villeggiatura prediletti dai Savoia. Oggi, in alcuni periodi, ci sono liste d’attesa piuttosto lunghe per riuscire a beneficiare degli effetti di questo piccolo paradiso.
A soli 23 Km da Courmayeur, una montagna diversa a cui dedicarsi.

CHAMBRE D’HOTES AU CHATEAU BLANC
Via Corrado Gex, 22 – 11011 Arvier ( AO)
Ref. : Ede Luboz
T. +39 0165 99166 – 347 8032217
www.auchateaublanc.it
info@auchateaublanc.it


[English Version]

Maison d’Hotes Au Chateau Blanc: for nature, culture and food’s lovers

Au Chateau Blanc B&B Valle d'Aosta
The Au Chateau Blanc B&B is situated in the heart of Arvier, an Aosta Valley village at the gates of the Gran Paradiso National Park. Its six rooms spread around a living room that smells of mountains, with a large stone fireplace, plenty of books and armchairs that invite you to rest and storytelling.
The Aosta Valley spirit breathes in the space design and in the flavors of breakfast: the homemade jams and the dark bread remind that the food here is genuine, traditional and zero-miles. In the cupboard colored cups, teas and herbal teas. In the suite, a large window that lets the mountains enter the home, for never stop being part of the surrounding woods.
Ede Luboz, the owner, is a former French teacher who has always been devoted to hospitality, previously with the family camping and now with the Chambre D’Hotes Au Chateau Blanc: “This is a kind of home for me and this is why I like that my guests come mostly through word of mouth. They are usually people who love food and wine, culture and nature. I must say that here there is a beautiful tourist target and I like to chat with my guests during breakfast. Having only six rooms allows me to get in contact with them and offer my territory in the best way: in general, this kind of travelers are curious to discover corners and itineraries far from mass tourism and really close to the mountain.

Au Chateau Blanc B&B Valle d'Aosta
Breakfast is the moment when Ede meets her guests: “But around 10 o’clock in the morning I go away to take care of my numerous family and of all the activities that we manage, vegetable garden included. My guests self-manage the house when I’m not there. There is also a small kitchen in case they want to cook something.”
One of the four Ede’s children, Mathieu, manages the Benevolo mountain refuge in Val di Rhêmes, a landing point for walkers and hikers but within everyone’s reach, families and children included, as it’s quite an easy trail: “The Rhêmes Valley, as well as the Val Grisenche, did not undergo to extensive human settlement and they therefore are still wild, ideal for those who love mountains.”

Arvier Enfer Wine VAlle d'Aosta
The small Arvier however, in addition to being an interesting starting point for mountaineering and trekking, is in the center of the famous Enfer production area: this wine, DOC since 1972, is the highest wine in Europe and around Arvier there are 15 small producers of this esteemed and valued bottles. The Enfer is bottled in limited quantities to respect the natural rhythm of the vineyards: one of the merits of the Aosta Valley, and not only with regard to wine, is to not have strained the earth, always preferring quality over quantity.
To celebrate this excellence, entering the village from Courmayeur there is a statue dedicated to the god Bacchus, next to the one named after Maurice Garin, the first Tour de France’s winner, born in Arvier in 1871.
Nearby – Ede goes on – there are the castles of Introd, Sarre and Sarriod de Latour which are open to visitors all year round. The Pré-Saint-Didier Spa is another regular attractive point since 1838, with its 40 thermal practices and the various spa packages, it attract tourists from all over the world from January to December. ”
The relaxing properties of the Pré-Saint-Didier’s waters were already known to the ancient Romans, and the spa was one of the Savoy’s favourite resort hub. Today, in some periods, there are long waiting lists to be able to benefit from the effects of this little paradise.
At only 23 km from Courmayeur, a different mountain to discover.

 

CHAMBRE D’HOTES AU CHATEAU BLANC
Via Corrado Gex, 22 – 11011 Arvier ( AO)
Ref. : Ede Luboz
T. +39 0165 99166 – 347 8032217
www.auchateaublanc.it
info@auchateaublanc.it

Advertisements

One thought on “Maison d’Hotes Au Chateau Blanc: per gli amanti di cultura, natura e sapori

  1. Pingback: Le tessitrici della Valgrisenche |

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s